domenica 28 novembre 2010

Le Stelle



Io,
sperduto viaggiatore
in fuga da Nettuno
porto quel buio solitario con me

Esploso nell’inizio dei tempi
ho rincorso l’immortale certezza della fuga
seguito da particelle di materia
che sono state la mia musica…

Le Stelle
rifulgono anche senza di me
e si fanno notare
di più nel buio.

Corrado Muti

Anime perse


venerdì 26 novembre 2010

Il rio pio



Evanescenze portate dal vento
si fanno sottili dimore
delle speranze,
macchiano di trasparenza
le esperienze del vivo
ed esso s'affonda nel nulla...
Rituali infiniti
scacciano la ragione della morte
e occludono la vista del devoto
perchè non abbia paura
di precipitare.

Corrado
14/06/2006


lunedì 8 novembre 2010

Disincanto




Lei è li
sorride con occhi d’acciaio
riflettendo le mie emozioni.
Disincanto e delusione
sono facce della stessa medaglia
che porto al collo
e la parola amore
diviene polvere
che copre inutilmente le mie mani.
Lei è li,
seduta su di un trono di silenzio
che inneggia solo a “non è vero”
rifiutandomi l’anima
perché non ha confini.

Ma dimmi quando…
quando questo muro crollerà?

Corrado
15/09/2007

domenica 7 novembre 2010

Anima d'acciaio


Un’anima d’acciaio
taglia ombre nette contro il sole
dividendo la luce in bianco e nero…
è il dualismo fatto vita,
per lei non esistono vie di mezzo
ma solo buio e luce,
buono e cattivo,
giusto e sbagliato…
Un anima d’acciaio
non sa distinguere i colori nel suo universo
brucia di giorno
e di notte ha solo freddo
lei non sa
quanto giusto calore possa dare il legno
perché lo sa solo tagliare.

© 23/08/2007

sabato 6 novembre 2010

Deserto dopo te



Macererò i miei giorni nel tuo ricordo,
spegnerò tutte le speranze di rivederti
per camminare in queste valli distanti...
incaricherò le mie mani in mille lavori
e strapazzerò la mia mente con nuovi problemi
perchè tu eri la mia unica gioia e speranza...
ed ora che sei andata via,
dove neanche il vento non può raggiungerti a parlarti di me
anche le mie lacrime sono giaccio secco
sintomo del deserto che m'ha riempito
dopo di te...

venerdì 5 novembre 2010

Peccato originale




E ti fermi,
sussurri e gridi
e sospiri…

Dopo l’ottimismo le lacrime,
dopo la passione il freddo sulla pelle…


Ho ancora un bacio inesplorato
per inebriare i tuoi sensi,
ho ancora un fuoco ardente
per portar via le tue paure…


Ma tu baciami,
offrimi il tuo ventre,
spogliami dell’orgoglio,
incendiami di piacere…

Sarò io
il tuo peccato originale.
e tu…
la mia voglia d’annegare.


 
© Corrado Muti 2008