domenica 9 settembre 2012

La lettera sbagliata



La lettera che ti scrissi la ricordo ancora, parola per parola...
la cancellai anch'io come chiesi di fare a te
ma non da dentro di me...
Ancora mi chiedo se quella parola fine che scrissi
era la parola giusta da dire...
il tuo silenzio mi lascia pensare di si
ma tu sei sempre stata silente, 
come una brezza che da brividi di piacere...
e poi non esiste più nulla,
la tua gioia mi basta,
mi basta sapere che stai bene o almeno così era prima...
e poi è inutile sognarti, saresti troppo irraggiungibile
ed io troppo invischiato nell'inferno
che non potrei mai chiederti di condividere un cielo
e coprirci con le stesse stelle...
La lettera che ti scrissi non parlava d'Amore
ma di un addio detto con amore...
ma sai com'è... è che io ti avrò sempre dentro di me
e non potrò mai dimenticarti
mai guarire da te.... perchè non lo sai che sei unica
sei tu quella che ho sempre cercato
sei tu quella parte di me che mancava
sei dentro di me e non posso mandarti via senza morire.
So aspettare, sono molte vite che aspetto
e forse altre vite ci separeranno
ma quando sarai stanca di danzare e vorrai scrivere una poesia
ricordati di me,
forse scoprirai che anche io sono per te
quella parte che ancora non hai
e cerchi nei sogni.

Corrado
10/09/2012